Geologia

Per ricostruire gli ambienti del passato e la cronologia degli eventi che si sono succeduti, i geologi studiano le rocce affioranti in un territorio all’interno delle formazioni geologiche, complessi di rocce che risalgono allo stesso periodo e allo stesso ambiente.

La formazione delle rocce della Val Grigna risale a circa 280 milioni di anni fa. A quell’epoca la distribuzione dei mari e dei continenti era molto diversa rispetto ad oggi: non esistevano le Alpi né i mari che conosciamo oggi, ma un solo grande continente, denominato “Pangea“, circondato da un immenso oceano, denominato invece “Panthalassa“.

Il territorio dell’Area Vasta Val Grigna si trovava in prossimità di una vasta catena montuosa, la Catena Ercinica, nella quale si trovavano imponenti vulcani. Da 280 a 250 milioni di anni fa questa imponente catena montuosa venne spazzata via dall’erosione e infine sommersa dalle acque del mare.

Ciò che ora compone le creste e le cime dell’Area Vasta si formò sostanzialmente in seguito a due processi: vulcanico e sedimentario. Le rocce vulcaniche sono state prodotte dalla deposizione, solidificazione e compattazione di materiali eruttati da antichi vulcani. Le rocce sedimentarie si sono originate invece in seguito alla deposizione, compattazione e cementazione di materiali prodotti dall’erosione e trasportati dagli agenti atmosferici.

Cinque sono le formazioni geologiche della Val Grigna: la “Formazione di Collio“, il “Conglomerato del Dosso dei Galli“, le “Vulcaniti di Auccia“, il “Verrucano Lombardo” e il “Servino“.




 

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30  
Novembre  2017

P.Iva 03609320969  |  Credits